Autodichiarazioni Coronavirus: nuovo modulo per gli spostamenti! Scaricalo adesso!

La Polizia di Stato ha previsto e pubblicato un nuovo modulo di autocertificazione per il Covid-19 da compilare e presentare alle Forze dell’ordine per motivare gli spostamenti che prevedano di uscire dalla propria abitazione

Data:
24 Marzo 2020
Immagine non trovata

Autodichiarazione modulo 23 marzo


Cambia ancora il modulo per l’autocertificazione dei cittadini che intendono spostarsi (cd. autodichiarazione Coronavirus): lo prevede la Polizia di Stato che ha aggiornato il modulo al 23 marzo 2020, alla luce delle novità previste dal DPCM 22 marzo 2020.

La novità è rappresentata dal fatto che l’ultimo DPCM a firma Giuseppe Conte ha tolto la possibilità, contemplata nelle versioni precedenti, di rientrare nel luogo di domicilio, abitazione o residenza. Non ci si può spostare, quindi, dal comune in cui ci si trova se non per comprovate esigenze di lavoro, salute o di comprovata urgenza. Tra queste rientrando anche “i casi, che si stanno ripetendo con una certa frequenza in questi giorni, in cui l’interessato si rechi presso grandi infrastrutture del sistema di trasporti (aeroporti, porti e stazioni ferroviarie) per trasferire propri congiunti alla propria abitazione“.

Nel nuovo modello di autocertificazione Covid 19 si deve indicare, quindi, la motivazione dello spostamento e dichiarare – come in quello precedente – di non essere stati sottoposti alla quarantena o all’isolamento (e quindi attestare la non positività al Coronavirus). 


Modulo autodichiarazione: breve guida alla compilazione

Il modulo di autocertificazione per gli spostamenti può essere stampato e compilato prima di uscire di casa. In alternativa è possibile compilarlo anche al momento del controllo (fornito dalle Forze dell’Ordine). Si compila così:

  • generalità (nome, cognome, data di nascita, indirizzo di residenza, numero del documento identificativo);
  • barrare una delle ragioni per cui si è effettuato lo spostamento, a scelta tra: comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;
  • fornire una breve spiegazione del motivo già barrato in precedenza.

Il documento va firmato e poi verrà verrà controfirmato dagli Agenti di Polizia che compileranno anche la sezione relativa alla data e all’ora del controllo.

NB – l’autocertificazione è necessaria anche se si esce a piedi e non sono ammessi moduli digitali. L’unico modello ammesso è quello cartaceo.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 16 Settembre 2020