AVVISO PUBBLICO - CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ 2018 - RIPARTO DELLE RISORSE E LINEE GUIDA PER L’ACCESSO AL CONTRIBUTO, IN ATTUAZIONE ALLA L.R. N. 16/2016

Data:
17 Maggio 2019
SI PUBBLICA L'AVVISO RELATIVO CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ 2018 - RIPARTO DELLE RISORSE E LINEE GUIDA PER L’ACCESSO AL CONTRIBUTO, IN ATTUAZIONE ALLA L.R. N. 16/2016 (allegato), contenente lo schema di domanda e il patto di servizio.

Il termine entro cui presentare domanda è il 20/06/2019.

MISURE DI SOSTEGNO
L’art. 25 della L.R. 16/2016 disciplina due misure di sostegno destinate ai nuclei familiari in condizione di difficoltà economica e in particolare:

1) comma 2: nuclei familiari indigenti, cioè coloro che si trovano in una condizione di povertà assoluta e di grave deprivazione materiale, che accedono ai servizi abitativi pubblici (di seguito SAP); sono i nuclei che hanno ricevuto l’assegnazione di un alloggio SAP ai sensi della d.g.r. 7316/2017.La condizione di indigenza dei nuclei familiari, ai sensi dell’art. 13 del r.r. 4/2017:
  • si presenta quando il valore ISEE risulta pari o inferiore a 3.000 €
  • e quando i servizi sociali del comune di residenza, a seguito di valutazione delle condizioni personali, familiari e lavorative, attestano che le predette condizioni sono tali da non consentire di soddisfare autonomamente i bisogni primari del nucleo stesso.
2) comma 3: nuclei familiari già assegnatari di SAP che si trovano in una condizione di comprovata difficoltà economica di carattere transitorio tale da non consentire di sostenere i costi della locazione sociale. Tale condizione, che si manifesta generalmente in presenza di una riduzione della capacità reddituale, compromette in tutto o anche solo in parte il pagamento della locazione sociale.Le linee guida definiscono che la natura transitoria della difficoltà economica debba essere verificata valutando l’effetto combinato della sopportabilità della locazione sociale del nucleo e della natura emergente della morosità, determinata da un importo contenuto e complessivamente non superiore a 8000€.
Il carattere temporaneo del contributo regionale di solidarietà si riferisce alla finalità ultima del recupero dell'autonomia economica del nucleo familiare. Pertanto, la misura deve essere sempre associata a una collaborazione attiva del beneficiario e a una serie di iniziative utili a superare la condizione di difficoltà. Uno scambio che trova espressione nel “Patto di servizio”, la cui sottoscrizione costituisce la condizione per beneficiare del contributo.
 
Pertanto, per poter accedere al contributo regionale di solidarietà, i nuclei familiari possibili beneficiari dovranno possedere i seguenti requisiti:
a) essere assegnatari degli alloggi SAP di proprietà dei comuni destinatari delle risorse regionali;
b) possedere un periodo minimo di permanenza negli alloggi SAP, individuabile in 12 mesi dalla data di stipula del contratto di locazione sociale;
c) appartenere alle aree della Protezione e dell'Accesso ai sensi dell’art. 31 della l.r. 27/2009;
 
Sono esclusi gli assegnatari con un importo di morosità superiore a 8.000 €.
 
Il contributo regionale di solidarietà è diretto ai nuclei familiari di cui ai commi 2 e 3 dell’art. 25, che si trovano in condizioni economiche tali da non consentire di sostenere i costi della locazione sociale, costi dati dalla somma del canone applicato e delle spese per i servizi comuni a rimborso.
 
Per informazioni contattare l'ufficio servizi sociali 02/90662042
 

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 12 Dicembre 2019